giovedì 30 giugno 2011

Pergola, boom di turisti e per l'estate Notti colorate: eventi per tutti i gusti



Pergola città di eventi tutto l’anno, non poteva che proporre un’estate scintillante. Basta dare un’occhiata al ricchissimo calendario di eventi delle Notti colorate pergolesi, ideato dall’assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune per rendersi conto che in questi mesi estivi, come del resto tutto l’anno, sarà impossibile annoiarsi.

L’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Francesco Baldelli ancora una volta è riuscita ad allestire un programma interessante, variegato ed originale.
Iniziative che allieteranno le calde serate estive e che sapranno attirare migliaia di turisti come avvenuto sin dal primo giorno d’insediamento della giunta Baldelli.
I dati dell’Osservatorio regionale del turismo lo dimostrano. L’anno scorso Pergola ha fatto registrare un +21.86% di arrivi e un +27.31% di presenze rispetto al 2009. Conferma questi dati un nuovo aumento dei biglietti staccati al Museo dei Bronzi Dorati nei primi sei mesi dell’anno.

“Siamo molto soddisfatti – sottolinea il sindaco – di questi risultati che testimoniano la bontà delle nostre scelte in campo culturale e turistico. La promozione e la valorizzazione della città continua senza sosta con grande passione perché vogliamo proseguire in questo positivo trend. Per questo oltre a un’azione di promozione in fiere internazionali e su riviste specializzate ci siamo impegnati per ideare un programma di appuntamenti estivi di qualità. Musica, danza, cinema, teatro, enogastronomia, cultura: le iniziative sono davvero per tutti i gusti. Il clou anche quest’estate sarà rappresentato dalla Notte Verde di Montesecco del 16 agosto e dalla Serata Medievale del 19. Siamo poi già in grado di anticipare le date della prossima Fiera del Tartufo Bianco Pregiato che si terrà l’8-9-16-23 ottobre”.
A queste date si aggiunge il concerto, una miscela esplosiva di jazz & soul, dei Live Tropical Fish, di venerdì 15 luglio in piazza Fulvi.

Si partirà venerdì 1 luglio alle ore 21,15 ai giardini comunali con lo spettacolo di danza “IL MONDO DI AMALEEUN” dell’ASD EcoDance. Dalle 22 musica e piano bar nelle vie del centro storico con negozi aperti.
Domenica 3 luglio a partire dalle ore 9,30 per il MEMORIAL “POL DA RIN” nel centro storico si terrà il raduno di auto Ferrari. Nell’occasione sarà possibile visitare la città e il Museo dei Bronzi dorati dove sarà offerta una degustazione di prodotti tipici locali.
Venerdì 8 luglio, piazza Ginevri ospiterà il PREMIO NAZIONALE BRUNO LAUZI, concorso canoro “SE BUTTI LA DROGA 6 STUPEFACENTE”.
Sabato 9 luglio sarà la volta dello SWING ITALIANO ANNI ’60 con il Coro G.B. Pergolesi Città di Pergola e Gruppo Corale Città Sassoferrato.
Dal centro al suggestivo borgo di Monterolo si passerà mercoledì 13. Alle ore 20 è in programma “ASSAGGI DI CINEMA”: cena e cinema all’aperto. Prenotazioni (366.1055119). L’organizzazione è dell’associazione Castrum Montis Roli.
Spazio al teatro il 22 con la COMPAGNIA TEATRO TIME DI CORINALDO che porteranno in scena lo spettacolo “GIULIETTA E ROMEO… PACCAVANO ECCOME”.
L’ultimo week-end di luglio è in programma la 41esima Festa del Vino organizzata dalla Pro Loco.
Il 5 e 12 agosto Pergola si trasformerà nella Città dei Bambini con il cinema all’aperto per i più piccoli, giocolieri e piano bar per le vie del centro.
Venerdì 12 agosto inoltre dalle 22 in piazza Fulvi, l’imperdibile concerto dei “CONTO ALLA ROVESCIA IN CONCERTO”: tributo a Fabrizio De Andrè.
Nell’affascinante borgo di Montesecco martedì 16 agosto, dalle ore 19, andrà in scena la NOTTE VERDE: animazione, divertimento e ristorazione fino a tarda notte sul più bel balcone naturale che si affaccia sull’Adriatico.
Venerdì 19 dalle ore 15 sarà la volta della SERATA MEDIEVALE: corteo storico, combattimenti, campo d’armi e scene di vita Medievale. Alle 19 apriranno le taverne.
Il giorno seguente dalle ore 8 alle 24, la tradizionale FIERA D’ESTATE giunta alla 21esima edizione.

Altri eventi:

Domenica 24 luglio: ore 21,15
A.S.D. LATIN TANGO DANCING SCHOOL - Piazza Ginevri
Domenica 31 luglio: dalle 9,00 alle 11,00
3° RADUNO ALFA ROMEO - Vie del Centro Storico
Comune di Pergola - Scuderia Catria
Mercoledì 3 agosto: ore 21,15
CONCERTO D’ESTATE Banda musicale cittadina “A. Escobar” - Piazza Ginevri
Sab.6 / Dom. 7 agosto: dalle ore 19,00
XXVII SAGRA DELLA TAGLIATELLA - Bellisio Solfare di Pergola
Domenica 7 agosto: ore 21,15 GIOCHIAMO CON IL LUDOBUS Divertimento per i bambini e le loro famiglie - Vie del Centro Storico
Ven.12 / Sab.13 / Dom.14 agosto: dalle ore 19,00
SAGRA DELL’OCA - Montevecchio di Pergola Cir. Cult. di Montevecchio
Sab.13 / Dom.14 / Lun.15 agosto dalle ore 19,00: MERCATALE IN FESTA
Giovedì 18 agosto: VIAGGIO NEL PAESE DEI BALOCCHI. Impazza il Divertimento per Grandi e Piccini nel paese di Pinocchio. Partenza per Bellocchi di Fano, ore 17:00. Prenotazioni al num. 0721.7373277
Giovedì 8 settembre: ore 21,15
PERGOLA TRICOLORE: Celebrazioni 150esimo Anniversario dell’Insurrezione Pergolese per l’Unità d’Italia. CONCERTO “W VERDI”
8/9 -16 - 23 ottobre: 16a FIERA DEL TARTUFO
Fiera campionaria del Tartufo Bianco Pregiato di Pergola e dei Prodotti Tipici Locali


Per maggiori informazioni:
www.comune.pergola.pu.it

martedì 28 giugno 2011

Danzando per le Marche, dal 1 al 10 luglio


1 luglio h. 21.30
Civitanova Marche, Teatro Rossini
SCUOLA DI BALLO ACCADEMIA TEATRO ALLA SCALA [Italia]
Uno spettacolo che propone un programma ardito per ricercatezza e qualità. Saranno infatti proposte le coreografie di George Balanchine, Angelin Preljocaj, William Forsythe, Jiří Kylián, tra le più note ed amate dal pubblico del repertorio contemporaneo.

2 luglio h. 21.30
Ancona, Mole Vanvitelliana
BALLETTO DI ROMA OTELLO
coreografia Fabrizio Monteverde
Una delle più importanti compagnie di danza italiane si confronta con il capolavoro shekespeariano. Il risultato è uno spettacolo entusiasmante e coinvolgente dove l'intensità dei singoli interpreti, uno spasmodico Otello e un'inafferrabile Desdemona, amplifica l'energia dei momenti corali.

7 luglio h. 21.30
Civitanova Marche,Teatro Annibal Caro
YASMEEN GODDER DANCE GROUP [Israele] STORM END COME
in collaborazione con Ufficio Culturale dell’Ambasciata di Israele
[prima italiana]
Astro emergente della coreografia israeliana e internazionale, Yasmeen Godder si distingue per la qualità coreografica e l'intensità dei suoi lavori. In Storm end come i performers si avventurano in un viaggio fatto di tappe imprevedibili, stati mentali che conducono verso incontri ed interazioni con il mondo circostante, in continuo movimento.


info e prenotazioni
Biglietteria Teatro Rossini 0733 812936 www.civitanovadanza.it
Amat 071 2072439 / 346 3778838 www.amat.marche.it

biglietti
Civitanova, Teatro Rossini
I sett. 20 euro rid.* 15 euro
II sett. 15 euro rid.* 13 euro
III sett. 12 euro rid.* 10 euro
Civitanova, Teatro Annibal Caro
posto unico numerato 12 euro rid.* 10 euro
* ridotto fino a 24 anni, oltre 65 anni, iscritti scuole danza e convenzionati speciali
Ancona, Mole Vanvitelliana
12 euro _ 10 euro ridotto fino a 24 anni, oltre 65 anni e convenzionati speciali


Civitanova Danza è promosso da
Comune di Civitanova Marche | Teatri di Civitanova | AMAT
Ministero per i Beni e le Attività Culturali | Regione Marche | Provincia di Macerata
Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Macerata
main sponsor ICA Group
altri sponsor Paciotti spa| Hotel Miramare |Maxicar

Amo la Mole è promosso da
Comune di Ancona | Amat | Regione Marche| Provincia di Ancona
Camera di Commercio Ancona
con il sostegno di Fondazione Cariverona
partner iGuzzini

Le Marche in un’unica rete Jazz! Da Gabicce a Pesaso 40 concerti di assoluta qualità


La grande estate musicale di Marche Jazz Network è ai blocchi di partenza: numerosi e tutti prestigiosi sono infatti gli appuntamenti che la rete culturale regionale ha in programma in quattro province delle Marche!

DA GABICCE MARE A PEDASO
40 CONCERTI DI ASSOLUTA’ QUALITA’
NELLE PROVINCE DI PESARO URBINO, ANCONA,MACERATA E FERMO

Un progetto nato nel 2007 diventato autentico riferimento nel panorama nazionale ed internazionale!

Ideata nel 2007 da Ancona Jazz, Fano Jazz Network e TAM Tutta un’Altra Musica, cui si è aggiunta nel 2009 l’associazione Musicamdo Jazz, Marche Jazz Network non è una semplice sigla ma un vero e proprio marchio produttivo, frutto di una visione progettuale comune, pur nel rispetto delle singole specificità territoriali e di contenuto. Nell’insieme Marche Jazz Network organizza 180 concerti all’anno, ospitando 1.300 artisti e coinvolgendo circa 80.000 spettatori. Numeri considerevoli che fanno di Marche Jazz Network una realtà nel suo genere unica a livello nazionale.

L’estate 2011 di Marche Jazz Network è entrata nel vivo nel mese di giugno con la nona edizione del Musicamdo Jazz, con il concerto di Enrico Rava con il trio di Alberto Napolioni e la serata finale del XV Premio Internazionale Massimo Urbani, a cui seguiranno la Colour Jazz Orchestra (2 luglio, Macerata), il trio americano Michael Blake - Ben Allison - Hamid Drake (2 luglio, Macerata), Fabrizio Bosso e Javier Girotto (6 luglio, Matelica) ed il quartetto Giornale di Bordo con Antonello Salis, Gavino Murgia, Paolo Angeli e ancora Hamid Drake (16 luglio, Camerino).

Ancona Jazz , in attività sino dal 1974 ininterrottamente, presenta il suo Summer Festival alla Mole Vanvitelliana dal 3 al 10 luglio con la world music di estrazione brasiliana di Cyro Baptista (3), il jazz più interiore di Charles Lloyd (4), la classicità di Jeff Hamilton (5) e la potenza della Colour Jazz Orchestra grazie agli arrangiamenti di Bob Mintzer (8), il recupero della tradizione bandistica con Mirabassi e l’Orchestra Fiati di Ancona (6), la sperimentazione controllata del nostro grande Franco D’Andrea (7), l’attualità del bop con il supergruppo di John Scofield (10), il cantautorato soul e pop di Filippo Tirincanti, voce tra le intriganti del panorama nazionale, coadiuvato da due musicisti del calibro di Luca Mannutza e Fabrizio Bosso (9). Al cartellone si affiancano appuntamenti dopo festival, sempre all'interno della Mole, con giovani e affermati musicisti marchigiani (il 3, 5, 7 e 9 alle 23.30), una masterclass tenuta da Bob Mintzer (la mattina dell'8 luglio), proiezione di filmati e foto riprese durante i concerti di Ancona Jazz, la presentazione del libro "Hear Me Talkin' To Ya" di Nat Shapiro & Nat Hentoff tradotto da Massimo Tarabelli.

Di rilievo anche i concerti organizzati da TAM Tutta un’Altra Musica: Tigran Hamasyan (12 luglio, Monte Urano), Dr. Lonnie Smith (13 luglio, Pedaso), il gruppo MP’s Jazzy Bunch (23 luglio, Monte Urano) e il trio del chitarrista Jim Campilongo (29 luglio, Pedaso), a conferma di un’attenzione per quella musica definita extracolta che dal 1997 caratterizza i cartelloni del TAM e di tutto il territorio della nuova provincia di Fermo.

La XIX edizione di Fano Jazz By The Sea avrà un’anteprima il 21 luglio al Porto di Vallugola, a Gabicce Mare, con il concerto del chitarrista Nguyên Lê. Il Festival ospiterà quindi fino al 30 luglio (al Porto Turistico di Fano - Marina dei Cesari e alla Corte Malatestiana) John McLaughlin, Tom Harrell, Enrico Rava, Trilok Gurtu, la pianista giapponese Hiromi e la coppia Tuck & Patti. Il finale si svolgerà il 31 luglio alla Golena del Furlo di Acqualagna, dove si esibirà, in esclusiva italiana, un musicista originario della Costa d’Avorio: Aly Keïta, spettacolare suonatore di balafon. Ospite del suo gruppo una delle più belle voci africane affermatesi negli ultimi tempi, Dobet Gnahorè.

Sorta di festival nel festival, anche la programmazione al “Pala J”(Porto di Fano) si preannuncia ricca di motivi di interesse. Da lunedì 25 a sabato 30 si potranno ascoltare il quartetto del chitarrista Walter Beltrami (con Francesco Bearzatti a sax tenore e clarinetto), i Fool Circle, gruppo che annovera il pregevole pianista Stefano Battaglia, l’inglese Portico Quartet, una delle più interessanti formazioni d’oltre Manica emerse negli ultimi anni. Ed ancora: il quartetto del trombettista Aldo Bassi, l’Organ Combo dello specialista dell’Hammond Vito Di Modugno (con il trombettista Fabio Morgera a nobilitarne la front line) e, infine, il trio del pianista marchigiano Emilio Marinelli.



www.marchejazznetwork.it



MUSICAMDO tel. 331.7985360 www.musicamdo.it

ANCONA JAZZ tel. 327.6844552 www.anconajazz.com

TAM tel. 338.4321643 www.tamfactory.net

FANO JAZZ NETWORK tel. 0721.803043 www.fanojazznetwork.it


Marche Jazz Network
info@marchejazznetwork.it

Senigallia, CaterRaduno 2011: Fratelli in Italia. Il programma di oggi



CaterRaduno 2011: Fratelli in Italia
Dal 27 giugno al 2 luglio 2011 a Senigallia. Il programma di martedì 28

Seconda giornata del CaterRaduno 2011 a Senigallia e seconda diretta da Piazza Roma per il consueto appuntamento con "Cater Rad'una" delle 13 alle 13,30 in Piazza Roma e la lunga trasmissione dalla spiaggia nel pomeriggio dalle 18 alle 19,30, che quest’anno non si svolge più vicino alla Rotonda a Mare, ma bensì presso i bagni 72 sul lungomare Alighieri.
In serata alle ore 22.00 in Piazza Roma "Il piccolo talk", dibattito tra attualità e cronaca, condita come sempre da una buona dose di ironia.

Al CaterRaduno 2011 insieme a Massimo Cirri e Filippo Solibello, gli amici di sempre come la Banda Osiris, David Riondino, Antonio Di Bella e Stefano Bollani, tutte le sere concerti al Foro Annonario e in Piazza del Duca con grandi ospiti: Vinicio Capossela (1 luglio) e Caparezza (2 luglio) tanto per cominciare e poi ancora Nada e Fausto Mesolella, Ben L'Oncle Soul, Brunori Sas, Figli di Madre Ignota.

In Piazza Roma sabato 2 luglio alle ore 17.00 l'Asta in favore di Libera. Quest'anno i proventi dell'asta serviranno per far nascere una nuova coperativa dell'Associazione Libera a Naro in provincia di Agrigento, 65 ettari di terra siciliana confiscata alla mafia e che verrà intitolata a Rosario Livatino il "giudice ragazzino" ucciso nel 1990. Libera e Caterpillar ancora una volta insieme, perchè "solo l'unione delle forze può realizzare l'impossibile".

“Assaggi di cinema”, primo appuntamento a Montemaggiore al Metauro


MONTEMAGGIORE AL METAURO – Prende il via mercoledì 29 giugno, sulla Piazza Bramante di Montemaggiore al Metauro, la rassegna “Assaggi di cinema”, un viaggio tra cinema, cibo e territorio ideato e organizzato dall’associazione “Il Paese dei balocchi” con il patrocinio della Provincia di Pesaro e Urbino, in collaborazione con “Fano International FilmFestival” e l’associazione Enohobby e con il sostegno di Confagricoltura, Confederazione italiana agricoltori, Coldiretti e Copagri.
Il programma della serata, presentata da Sergio Ferri (conduttore della trasmissione radiofonica “Radio Assaggi” su Radio Esmeralda”), prevede alle ore 20.30 la cena a cura della pro loco di Montemaggiore e l’incontro con i professori Roberto Dormicchi (chef dell’istituto professionale alberghiero “G.Celli” di Piobbico) e Tommaso Lucchetti (storico della cultura gastronomica e dell’arte conviviale). Alle ore 22 verrà proposto il film “Happy family” di Gabriele Salvatores (Italia 2010, 1990), commedia divertente e innovativa con Fabio De Luigi, Diego Abatantuono, Fabrizio Bentivoglio e Margherita Buy). L’appuntamento di mercoledì è promosso in collaborazione con il Comune e la pro loco di Montemaggiore.
Il costo dell’intera serata è di 22 euro (info: cell. 366.1055119 o mail: assaggidicinema@gmail.com). In caso di maltempo l’appuntamento è rinviato al 30 giugno. Ulteriori info: www.assaggidicinema.it

mercoledì 22 giugno 2011

Urbino, in arrivo la Festa dello Studente con un carico di musica per tutti i gusti


Anche quest’anno, il 23, 24 e 25 giugno, la Fortezza Albornoz di Urbino si vestirà della musica della “Festa dello Studente”. Per il decennale della “Confederazione degli Studenti” si è puntato in alto con nomi del calibro di Roy Paci e Brusco. La manifestazione verrà aperta, come ogni anno, dai gruppi emergenti per dare luce alla musica giovane. Tanti saranno infatti quest’anno i gruppi che si alterneranno sul palco. Dal rap del Costa familla che regaleranno anche uno spettacolo di break dance, al rock dei Sammy’s black house, al folk dei Margò, per concludere passando da Manuel Monteiro Mancini(cugino di Gianluca Grignani) che presenterà il suo primo singolo Waterfall Of Emotions agli ormai veterani Echotime che proporranno un tributo a quello che è il vero Rock'n'Roll.

La seconda serata sarà dedicata alla musica reggae. A partire dalle h 19:00 con il raggamuffin dei Sunsemilla crew farà da sottofondo a “L’aperitivo della festa dello studente” che si tramuterà nella serata in una dance hall raggae per lasciare poi spazio ai Sound of sun che ci proporranno cover di Bob Marley, Manu Chao, Jason Mraz, in uno stile ska-reggae arrangiato tramite vari strumenti. I saound of sun, apriranno l’attesissimo concerto del “boss della dance hall” Brusco che presenterà il nuovo album “Fino all’alba”.

Anche la terza serata sarà aperta da due gruppi emergenti: i Nuntereggae Sound sound cover band di Rino Gaetano e i The insane blues band un vero e proprio tribune show al film culto degli anni 80: The blues brothers.

Roy Paci con il tormentone “Toda joia toda beleza” e altri suoi grandi successi chiuderà la decima edizione della Festa.

Grandi quindi i festeggiamenti previsti per la decima edizione di una delle feste più attese dell’estate Urbinate. Le tre serate musicali saranno come sempre gratuite per tutto il pubblico.

Senigallia, Caterraduno 2011: Capossela, Caparezza e tanto altro



CATERRADUNO 2011
A Senigallia dal 27 giugno al 2 luglio

CATERRADUNO 2011
"Fratelli in italia"

Senigallia dal 27 giugno al 2 luglio

Nel 150° Anniversario dell’Unità i “Fratelli in Italia” si danno appuntamento a Senigallia dal 27 giugno al 2 luglio per l’edizione 2011 del CaterRaduno. Per il sesto anno consecutivo l’allegra compagnia della più ascoltata trasmissione radiofonica di Radio 2 Caterpillar, sbarcherà sulla “spiaggia di velluto” alla guida di Massimo Cirri e Filippo Solibello. Il titolo dell’edizione 2011 sarà “Fratelli in Italia”, mentre nulla cambia nella formula che prevede una settimana di dirette radiofoniche e spettacoli tutti rigorosamente ad ingresso libero. Anche per questa edizione si prevede dunque una miscela esplosiva di musica, concerti, informazione e graffiante umorismo. La settimana del CaterRaduno 2011 sarà perciò caratterizzata dalle attesissime dirette da Piazza Roma con il Caterrad’uno, gli appuntamenti pomeridiani in spiaggia con tanti ospiti e giochi e con l’Asta per Libera che quest’anno si occuperà di eccellenze italiane, artistiche e artigiane in onore proprio dei “Fratelli in Italia” .

PROGRAMMA

Mercoledì 29 giugno ore 22.00
Foro Annonario
BEN L'ONCLE SOUL

Piazza Roma ore 24.00
BRUNORI SAS

Giovedì 30 giugno ore 22.00
Foro Annonario
FIGLI DI MADRE IGNOTA

Piazza del Duca ore 24.00
BANDA OSIRIS

Venerdì 1 luglio ore 22.00
Foro Annonario
VINICIO CAPOSSELA

Piazza del Duca ore 24.00
NADA - FAUSTO MESOLELLA

Sabato 2 luglio ore 22.00
Foro Annonario
CAPAREZZA

Piazza del Duca ore 24.00
BOLLANI DANISH TRIO
Stefano Bollani
Jesper Bodilsen - contrabbasso
Morten Lund - batteria

DAVID RIONDINO
ANTONIO DI BELLA
ERICA MOU

martedì 21 giugno 2011

Gradara, Un anno all'assedio


AD 1445 – UN ANNO ALL'ASSEDIO

La principale manifestazione storica estiva di Gradara, dal 15 al 17 Luglio, per un immersione a 360° nel Medioevo

“Anno Domini 1445 – Un Anno all'Assedio” è l'evento più importante dell'estate di Gradara, si alterna alla grande manifestazione di “Assedio al Castello” che viene proposta ogni due anni.

Dal 15 al 17 luglio il borgo si trasforma in un percorso museale con ricostruzioni di ambienti, allestimenti di botteghe artigianali, spettacoli e figuranti in abito storico che accompagneranno il visitatore nel Medioevo attraverso una “porta del tempo”. La sensazione sarà quella di essere catapultati nel 1445 e ritrovarsi nel mezzo di un indaffarato e vivace borgo medievale alla prese con le attività di ogni giorno.

Tra le novità di quest’anno troviamo l’incredibile spettacolo “Verticalibur”, direttamente dalla parete della Torre dell’orologio, il pubblico potrà assistere ad un avvincente thriller medioevale… in assenza di gravità! Uno spettacolo mozzafiato ideato e realizzato dalla compagnia teatrale Eventi Verticali, donne e uomini che sono riusciti a vincere la forza di gravità, creando un nuovo linguaggio del corpo, elegante, emozionante e... leggero come l'aria!

L’Associazione Circateatro che propone spettacoli sui trampoli che si rifanno all’arte degli attori girovaghi tipiche del XII-XVI secolo, “Paratrampolata in do” spettacolo con palcoscenico in movimento, e “Sogno d’una strampalata notturna” spettacolo con il fuoco.

La Giostra, compagnia d’arte e musica che con i loro spettacoli musico-teatrali allieteranno le serate del visitatore con spettacoli diversi in stile medievale come “un viaggio immaginario in un tempo che , seppur lontano, certamente riecheggia come l’eco di un medioevo profano e povero, ma anche allegro, ironico e burlesco”

Il visitatore verrà coinvolto in percorsi guidati che lo porteranno ad utilizzare tutti i sensi, una vera e propria immersione a 360° nel XV secolo: potrà immedesimarsi nelle vesti di un armigero di ronda, di un cuoco mentre prepara un gustoso banchetto, di un fabbro che forgia una spada o assembla una cotta di maglia, potrà addestrarsi assieme alle guardie, scoprire come si preparavano i colori, improvvisare versi in rima con il menestrello di corte e tanto altro ancora.

Per concludere, domenica 17 luglio, alle 21,15, si terrà il suggestivo concerto “Amor mi fa pazziar. Arie, madrigali, danze e scherzi musicali tra Cinque e Seicento”. L’incantato liuto di Gian Luca Lastraioli e la delicata voce di Santina Tomasello attorniati dalla splendida cornice della rocca malatestiana trasporteranno il pubblico in un magico viaggio nella musica d’altri tempi.

Il programma sarà ricco di tantissimi altri spettacoli con i Clerici vegantes che tornano a Gradara, letture del V canto dell’Inferno a cura di Ivan Ottaviani, favole per adulti e bambini, giullari e artisti per vivere tre giornate all’insegna del medioevo.
La Storia a Gradara si fa Viva, venite a provarlo con i vostri occhi!

Pro Loco Gradara

info@gradara.org

ww.gradara.org

Fano, sabato va in scena la Notte Bianca: The Social Night


“The Social Night”:Fano non è mai stata così “connessa”
Sabato 25 giugno va in scena la Notte Bianca fanese in ogni angolo della città

Fano, 20 giugno 2011- Un social network è un gruppo di persone connesse tra loro e accomunate da molteplici interessi. Fano, sabato 25 giugno 2011 diventerà una gigantesca rete sociale e, proprio come accade in rete, dove i Social Network sono dedicati a numerosissime attività, dalla musica, alla fotografia, ai libri, sarà animata da ben 200 eventi di tutte le tipologie.

“The Social Night” è infatti l’innovativo titolo della Notte Bianca fanese 2011 ed allo stesso tempo il tema: ogni luogo ricalcherà fedelmente uno di questi “luoghi virtuali” ed ogni luogo sarà caratterizzato in maniera unica e personale grazie al grande contributo di tutti i ristoratori e gli esercenti della città che si sono impegnati per offrire un’offerta di qualità il più differenziata possibile.

Alla sua terza edizione la manifestazione è pronta a fare un salto di qualità e diventare la migliore Notte Bianca che Fano abbia mai avuto come afferma l’assessore al Turismo Alberto Santorelli: “Nonostante il periodo ci imponga una riduzione delle risorse destinate agli eventi la qualità della Notte Bianca rimane molto alta e questo grazie alla macchina organizzativa che siamo riusciti a mettere in moto coinvolgendo un numero superiore, di anno in anno, di locali. Gli esercenti infatti hanno capito che la Notte Bianca è un momento di promozione turistica davvero unico e da sfruttare nel migliore dei modi offrendo ai visitatori spettacoli di alto livello”.

Una coltre bianca scenderà su tutto il centro storico, drappi e decori abbelliranno le vie e le piazze. Tutto sarà curato nei minimi dettagli, dalle scenografie all’arredo urbano agli spettacoli che si susseguiranno ininterrottamente dalle 18.00 alle 6.00 del mattino.

Alle 18.00, in Piazza Amiani- Piazza Shidonni.com, davanti al Caffè Centrale che anche quest’anno offrirà tanti squisiti dolcetti come i Waffels, golosità tipiche della cucina americana ai più piccoli, la Notte Bianca sarà inaugurata in presenza delle autorità e soprattutto con la coreografia creata dai ragazzi dell’associazione giovanile Happy Days sulle note di “Windows Dance”, i 9 scatenatissimi ballerini non mancheranno di coinvolgere il pubblico, infatti proporranno anche un ballo molto semplice e facilmente eseguibile dal titolo “Mac dance”.

Il palco di piazza XX Settembre- piazza Facebook.com, anche quest’anno ospiterà nomi di alto livello come Caroline Koch che presenterà il suo nuovo album “In questa estate” e gli “High Time Revival” gruppo Rock/Pop di Pesaro la cui l'indole è quella di riproporre brani potenti e hard rock uniti a pezzi rock melodici di stampo anni '80/'90. A seguire, alle 22.30 l’attesissimo concerto di “Alessandro Ristori & the Portofinos” dedicato agli gli anni ’50, al rock’n’roll, ai coroner e a “La dolce vita”.

A partire dalle 18.00 inizierà la festa anche in Piazza Andrea Costa- Piazza Twitter.com dove la gastronomia marinara “Il Bello e la Bestia” offrirà un delizioso buffet di pesce accompagnato dai vini della cantina Fiorini di Barchi e l’ormai famoso pentolone gigante di brodetto alla fanese. Dalle 19.30 anche via Montevecchio si accenderà con la cena nella via in compagnia degli “Plastic Fantastic Band” in concerto, band fanese che propone un ampio repertorio musicale che spazia dal rock al blues. “Dal mezzadro” invece si potranno respirare le magiche atmosfere caraibiche con “El mezzadro social club”, musica cubana dal vivo e degustazioni.

La Piazza più giovanile sarà piazza Marcolini- piazza Viadeo.com, in collaborazione con Heart Cafè. Dalle 18.30 prenderà il via il contest dedicato ai writers dal titolo “I graffiti in piazza”, a seguire la “Banda degli Zulù” in concerto, un quartetto acustico che suona brani dei più grandi cantautori italiani, dopo averli rivisitati ed adattati alla disponibilità dei propri strumenti. Concluderà la serata lo spettacolo degli artisti di strada che incanteranno i presenti con spettacoli di magia e giocoleria.

La via più fashion sarà invece via San Paterniano- via Bebo.com, dove, dopo l’aperitivo ci sarà la cena in compagnia di splendide modelle a conclusione della quale daranno vita al “Defilè della Notte Bianca” organizzato da “Dama Nera” in collaborazione con “Scarabeo”, “Beauty Shop” profumeria, ristorante “La perla”.

I bambini anche quest’anno saranno i protagonisti di piazza Amiani- Piazza Shidonni.com, una piazza completamente dedicata a loro con tante attività come il body painting, e i laboratori creativi a cura delle associazioni “Giochiamoci la Faccia” e “Favolare”.

Nella suggestiva cornice delle mura augustee, davanti Pino Bar si esibiranno gli “Electrical mistress” e sia la Largo Seneca- Largo Flickr.com che sul lungomare Simonetti- asmallworld.com un tripudio di musica: dai concerti ai dj set per una notte Bianca caratterizzata anche per la qualità e la diversità delle musiche di ogni luogo.

La Notte Bianca non dimentica gli amanti della cultura: tutti i principali monumenti e musei saranno aperti e l’Archeoclub organizzerà le sue apprezzate visite alla scoperta della Fano romana. Dalle 22:00 alle 01:00
“Luci del passato nella notte di oggi: il teatro romano di Fano”, seguirà, nel chiostro di sant’Agostino la proiezione di un filmato sul teatro romano.

“The Social Night” sarà una notte veramente esplosiva con fuochi d’artificio in centro, al Lido ed in Sassonia.

Il Museo delle Terre Marchigiane festeggia 10 anni


Decennale apertura Museo delle Terre Marchigiane
San Lorenzo in Campo, 23 giugno 2011

Il 23 giugno 2001 apriva il Museo delle Terre Marchigiane e giovedì in occasione del decennale si festeggerà l’importante ricorrenza con una serata dal titolo “Il senso del magico”.
Il museo è sede della collezione Straccini. Testimonianza fedele della civiltà rurale e cultura artistica marchigiana, costituisce una sorta di ricerca socio-culturale dei luoghi e degli oggetti utilizzati tra la fine dell'Ottocento e i primi decenni del Novecento. L'allestimento propone le macchine e le piccole utensilerie impiegate dalle genti marchigiane attraverso la ricostruzione di ambienti caratteristici, animati da immagini e suoni. Risultato di un lungo lavoro di ricerca e conservazione, lo spazio è stato concepito come prezioso tentativo di mantenere vivo il ricordo di vecchi mestieri, usanze e abitudini pressoché scomparse, e luogo d'incontro e studio.
“Il museo – spiega Silvano Straccini – nasce dalla passione per le cose del passato che la mia famiglia coltiva da più di un secolo, dalla voglia di raccontare le storie della vita attraverso gli oggetti. Il racconto è la vera missione. Nel pomeriggio del 23 giugno 2001 il museo apriva per la prima volta le porte ai timidi visitatori incuriositi. Ricordo bene l'emozione di tutta la mia famiglia e soprattutto di mio padre artefice e motore di tutto. In questi anni abbiamo promosso tante iniziative attente ai contenuti: conferenze, letture, incontri”.
Un grande lavoro viene portato avanti con le scuole.
“Vengono al museo aderendo a uno dei tanti laboratori, “Canti e danze della tradizione popolare”, “Il bucato, “La saponaria”, “La valigia di Luigia”, che ogni anno vengono proposti. Tutto ciò grazie a persone preparate come Silvia Spuri, Francesca Tonucci, mia sorella Lorena e mia mamma Marilide. E’ doveroso ringraziare per la collaborazione il Comune e Casale Venezia con cui sviluppiamo percorsi integrati museo-fattoria didattica”.
Quali i progetti futuri?
“Riallestire il museo e migliorarne la comunicazione”.
Giovedì per la Notte di San Giovanni, alle 18 sono in programma dei laboratori, quindi una conferenza-incontro con il prof. Tommaso Lucchetti e il prof. Ivo Picchiarelli sul tema della giornata. A seguire una cena ideata e preparata dall'Antica Grotta della Rovere (prenotazioni 339.4106110).

Notte di San Giovanni – Il senso del magico
Il soprannaturale, assieme a tutto ciò che esulava dalla dimensione tangibile e controllabile della terra e delle certezze di chi la lavorava, è sempre stato più che una fonte di richiamo irresistibile un'esigenza reale per trovare certe risposte e certezze che altrimenti difficilmente riuscivano a trovarsi in ciò che l'esperienza razionale e concreta poteva concedere. Soprattutto chi dalla terra ricavava con il lavoro nei campi le risorse per il sostentamento materiale era portato per forza di cose a guardare il cielo, nel senso di capriccio meteorologico di intemperie e siccità, ma anche in quanto luogo impalpabile ed immaginario del destino, dell'incontrollabile, delle volontà altrui, e quindi sede virtuale del sacro, ma al tempo stesso anche dell'irrazionale e del magico.
Nei riti della spiritualità rurale vi era una una data in particolare, che pur avendo una connotazione religiosa sfuggiva completamente dall'alveo disciplinato della liturgi cristiana, per annidarsi invece nelle pieghe insidie dello stregonesco e quindi del pagano. A San Giovanni, solstizio d'estate, più che la devozione per il profeta cugino di Gesù Cristo c'era la ricerca del magico, quanto di più alieno dal culto canonico. Vi erano però anche altri momenti nella realtà contadina dove pratiche oscure in odore di magia ed alchimia si facevano strada nell'animo e nella vita materiale, intrecciati indissolubilmente a credenze, superstizioni, nate e radicate chissà come ma immarcescibili.
Il tradizionale incontro di quest'anno di San Giovanni magico sarà appunto dedicato al senso del magico nella cultura mezzadrile marchigiana, in diversi aspetti ed espressioni, attraverso episodi storici, pratiche di cibo e dispensa, segreti e credenze sulle erbe.
Tommaso Lucchetti

Gli anni '70: svelato il tema della Notte Bianca di Marotta 2011. GUARDA IL VIDEO


MAROTTA – Ritorna, sabato 23 luglio 2011, la Notte bianca di Marotta, evento, alla quinta edizione, che ha visto evolversi di anno in anno l’offerta proposta e il ritorno di pubblico.

Nel 2010 i 30.000 presenti, secondo le forze dell’ordine, hanno partecipato a un evento a tema pirata, che traeva spunto da un aneddoto storico marottese, che ha connotato la serata di un elemento di grande suggestione.

La Notte bianca di Marotta 2011 si caratterizzerà ancora una volta dalla scelta di un motiv da adottare.

E così, sabato 23 luglio si riporteranno in voga “quei meravigliosi anni ‘70”, quando la cittadina era ai tempi d’oro: piena di turisti, affollata di stranieri, quando il lungomare era un luogo da vivere, dove la musica dal vivo la faceva da padroni. Quando a riempire le serate estive c’erano il cinema, il dancing Arcobaleno, le feste in spiaggia.

“Anche quest’anno la festa sarà caratterizzata dall’adozione di un tema, che affonda le sue radici nella storia e nella cultura della cittadina, che conferisce grande originalità all’evento – commentano dal Comitato organizzatore Notte bianca Marotta -. La scelta del tema è arrivata dopo lungo periodo di studio, in cui il Comitato ha cercato di portare alla luce quelle peculiarità che distinguono la cittadina, quegli elementi e aneddoti storici che contribuiscono a creare un passato, un attaccamento alle propri radici, un senso di appartenenza e un’identità da valorizzare sempre più”.

L’invito rivolto a tutti è quindi quello di prepararsi per vivere una grande notte, ricca di fascino, ricordi, bella musica.

Presto, sul sito www.nottebiancamarotta.it e sulla pagina ufficiale Facebook, saranno forniti anche suggerimenti sull’abbigliamento, gli accessori, le acconciature e sarà data vita ad un piccolo revival di usi e costumi di un tempo. Per rivivere, “quei meravigliosi anni ‘70”.

DOVE SI SVOLGE LA FESTA

La festa si svolge in un’area compresa tra il sottopassaggio di via Togliatti, lato nord e i giardini Faà di Bruno, lato sud, interessando sia il lungomare che un percorso interno, interamente pedonali.
Il Comune di Mondolfo organizza degli eventi in alcuni punti significativi dell’area, con momenti di intrattenimento dedicati a diversi tipi di utenze e un’area degustazione.

Gli esercenti commerciali partecipano all’iniziativa con concerti live, musica da ballare, angoli ristoro, spazi after hours, vetrine e negozi aperti, che insieme ai mercatini, distribuiti per tutta l’area, creano continuità all’evento.

SICUREZZA
Le edizioni passate si sono distinte per sobrietà e assenza di problematiche, tali da non necessitare l’intervento delle forze dell’ordine.
In più sono stati adottati servizi pullman per trasportare i ragazzi dalle zone interne e dal lungomare alla festa, molto apprezzati dai giovani.

PERCHE’ LA SCELTA DEL TEMA ANNI ‘70
Per cercare di trasportarla in quegli anni e farle capire le ragioni che hanno decretato questa scelta, vogliamo riportare alcuni racconti che narrano di quella bellissima Marotta.

Racconto n.1 (marottese)
Gli anni 60 fino alla metà degli anni 70 sono stati sicuramente quelli d’oro. Le strutture ricettive erano nuove o ristrutturate e lavoravano tutte in bassa stagione con le agenzie turistiche Europee che portavano molti stranieri. C’era una discoteca all’aperto, l’ “Arcobaleno”, una sala cinematografica al chiuso ed un’arena all’aperto, oltre ai vari bar sempre pieni di gente ad ascoltare musica dai juke box. Non era molto, ma ci si ritrovava tutti in uno spazio molto più ridotto e il Viale e il lungomare pullulava di gente. Chi sceglieva di andare in affitto prenotava già in inverno. I ritardatari per luglio e agosto dovevano accontentarsi di appartamenti lungo la statale o nelle vie interne di Marotta. I giardinetti erano pieni di ragazzi che giocavano, c’erano le serate da ballo e ogni tanto si facevano le feste di quartiere.

Racconto n.2 (marottese)
“A Torrette c’era il Kit kat, collegato con un night club ed il Capannina. A Marotta il People. Ci venivano persone come Ursula Andress, Nino Manfredi e Brigitte Nielsen. Poi lo Jabì. Dopo quello che oggi è El Gatt, verso Senigallia, c’era una vecchia sala giochi con una pista di gokart a gettoni. Costava 50 lire. Sotto all’Arcobaleno c’era una balera. L’orchestra si chiamava Altitudine Zero. Nel mese di agosto si ballava tutte le sere. Al Flores c’era la premiazione del Birro d’oro, ovvero del maschio d’oro (dal riminese “bèr”: ariete o meglio montone, ndr). Si riunivano tutti i ragazzi. Ognuno raccontava le avventure amorose che aveva avuto durante l’estate. Vinceva il premio chi aveva fatto più conquiste.

Racconto n.3 (turista)
Nei lontani anni 70/72 all’età di 14 anni era un obbligo ad andare al mare con i propri genitori (non come ora)ed allora mi chiedevo come mai i miei genitori avessero proprio scelto come meta di vacanze MAROTTA, c’era poco , una discoteca chiamata ARCOBALENO una pista da ballo all’aperto con vicino un campo da tennis chiamata FONTANELLE e tanta tanta spiaggia, insomma cosa facevo io lì? Non conoscevo nessuno ..però… una sera un ragazzo di nome mi chiese se volevo entrare nella sua compagnia, accettai e trovai la mia isola incantata e gli amici con la A maiuscola.



GUARDA IL VIDEO DI PRESENTAZIONE

giovedì 16 giugno 2011

Al via Ville e Castella, Festival dello spirito e delle cose. GUARDA IL VIDEO


Festival dello spirito e delle cose nelle terre della provincia di Pesaro e Urbino
XV edizione18 giugno – 17 luglio 2011

Il Festival itinerante “Ville e Castella” è nato nel 1992 con l’intento di portare cultura, spettacoli e convivialità nei luoghi più intriganti della provincia di Pesaro e Urbino. Tra le sue caratteristiche, c’è infatti quella di ambientare gli appuntamenti in luoghi inconsueti come antichi castelli, ville private, borghi storici, spazi naturali, montagne, boschi, grotte, anse dei fiumi ecc. Non a caso uno degli slogan è: “Il festival che inizia dove finisce l’asfalto”. Alle conferenze, che si tengono nel tardo pomeriggio, all’aperto, fanno seguito le cene servite sul posto, al tramonto, per chiudere le serate con spettacoli teatrali o musicali.
Da sempre sensibile ai temi ecologici e alla matrice rurale del territorio, il festival, promosso dalla Provincia di Pesaro e Urbino (assessorato alle Attività culturali) e realizzato dall’associazione culturale “Villa e Castella” in collaborazione con i Comuni di Barchi, Mondavio, San Lorenzo in Campo, Peglio, San Costanzo, Carpegna, Apecchio, Fratte Rosa, Isola del Piano e vari sponsor, dedica particolare attenzione alle persone e all’essere, piuttosto che all’apparire.
Da quest’anno, al nome classico si affianca anche la denominazione “Spiritualia” (festival dello spirito e delle cose nelle terre della provincia di Pesaro e Urbino), ad indicare un’esplicita attenzione per la ricerca di senso, di risposte, di prassi, di esperienze e conoscenze che vanno occupando sempre più spazio nella vita di chi ama porsi “le domande”. Ecologia e tecnologia, creatività e razionalità, piacere e felicità, distacco e attivismo, immanenza e trascendenza non sono state mai così contigue come in questi anni. La direzione artistica e organizzativa del Festival è a cura di Nino Finauri, Andrea Belacchi e Paolo Frigerio.

“Quella di quest’anno – ha evidenziato l’assessore alle Politiche culturali della Provincia di Pesaro e Urbino Davide Rossi in una conferenza stampa a cui hanno preso parte anche i tre direttori artistici ed alcuni amministratori dei Comuni coinvolti – è un’edizione speciale nella quasi ventennale storia del festival, sempre teso oltre il quotidiano, il banale, curioso di ‘leggere dentro’ il senso più vero della vita, anche nel rapporto con la natura, attraverso la musica, la riflessione, la meditazione, favorito dalla scelta di luoghi unici del territorio, fatto di borghi storici, castelli, ville, chiese, ma anche di scenari naturali particolarmente adatti all’elevazione del pensiero e dello spirito. Con l’obiettivo di confrontarsi col tema della spiritualità nei suoi molteplici aspetti, il festival proporrà analisi di carattere storico, considerazioni sull’attualità, testimonianze ed esperienze di vita: dalla religiosità degli antichi romani alle scoperte sulla montagna sacra del Sinai, dalle sommosse contemporanee nel mondo islamico alle domande impertinenti a Papa Benedetto XVI, dal rapporto architettura – paesaggio al testamento spirituale di Tiziano Terzani, dal ruolo del silenzio nella comunità di Bose a riflessioni di matrice zen, da esperienze di ‘vita senza soldi’ a pratiche di preghiera cristiana o pre-cristiana”.

Il programma

Sabato 18 giugno – Barchi
18.30 Conferenza – Farian Sabahi (islamista): Medio Oriente:un mondo che sta cambiando
20.30 Cena servita da Pro Loco di Barchi 21.45 Concerto – Viamedina
Lino Davide (voce, chitarre e plettri), Marilù Polledro,(voce, tamburi a cornice), Biaggio Orfitelli (contrabbasso), Damiano Davide (Fisarmonica), Gino Malvone (sax), Diego Genova (batteria), Valerio Giacobbe (percussioni)

Domenica 19 giugno – Mondavio
18.30 Conferenza - Piergiorgio Odifreddi (matematico): Caro Papa, ti scrivo 20.30 Cena servita da Pro Loco di S.Andrea di Suasa
21.45 Concerto - Dervisci Rotanti Galata Mevlevi Direzione artistica: Nail Kesova Al Sheik. Musicisti: Mustafa Aydin Öksüz, Ahmet Cemal Öksüz, Ismail Sedat Altinöz, Utku Yigit, Selcuk Gürez, Ferda Cengiz Ünal. Danzatori: Hüseyin Erek, Serhat Hilmi Baydar, Murat Kanberi, Murat Gürsoy

Venerdì 24 giugno – S.Andrea di Suasa (Mondavio)
18.30 Conferenza - Padre Giuseppe Ferro Garel (I Ricostruttori nella preghiera): L’uomo contemporaneo e la quiete. La proposta della preghiera del cuore
20.30Cena servita da Pro Loco di S.Andrea di Suasa
21.45Concerto - Rari Ramarri Rurali Roberto Renzoni (tastiera), Riccardo Marongiu (basso), Claudio Tombini (voce), Nino Finauri (batteria), Giacomo Pietrucci (sax)

Sabato 25 giugno – Montalfoglio (S.Lorenzo in Campo)
18.30 Conferenza - Line Halvorsen (regista), Paolo Pallavidino (produttore): Vivere senza soldi (con proiezione del film “Living without money”)
20.30 Cena servita da Ristorante Montalfoglio
21.45 Concerto - Obelisco Nero
Stephane Brocca (chitarra, voce), Matteo Facchini (fisarmonica), Iacopo Barocci (pianoforte), Giorgio Vampa (sax tenore),
Oreste Vitali (clarinetto), Marco Terzo (trombone), Michele Vagnini (viola), Fabio Generali (chitarra, mandolino, ukulele), Andrea Gobbi (contrabbasso), Jacopo Curzi (batteria, percussioni), Federico Mei (batteria), Agazio Cosentino (tromba), Lorena Pugliese (nel ruolo della “Saraghina”)

Domenica 26 giugno – Convento di S.Vittoria (Fratterosa)
18.30 Conferenza - Franco Cardini (storico): Il medioevo e l’origine della caccia alle streghe
20.30 Cena servita da Pro Loco Fratterosa
21.45 Concerto - Djeli-Kan(Burkina-Faso)
Yacouba Dembelé (voce, flauto, n’goni, tama), Founé Dembelé (voce, shaker), Mino Cavallo (chitarre), Arlo Bigazzi (basso),
Seydou Keita (ballafon), Souleymane Dembelé II (voce, kora, n’goni, djembé), Sekou Dembelé (voce, djembé).

Giovedì 30 giugno – Pieve di S.Giovanni in Balsomigno (Peglio)
18.30 Conferenza - Carla Gianotti (tibetologa): Le figure femminili nel buddhismo tibetano
20.30 Cena servita da Pro Loco Peglio
21.45 Teatro - Orti insorti di Elena Guerrieri. Musiche seguite dal vivo da Giacomo Rotatori(fisarmonica)

Venerdì 1 luglio – Monastero di Montebello (Isola del Piano)
18.30 Conferenza - Emmanuel Anati (archeologo): Il culto nella montagna Sacra all’epoca dei patriarchi. Ultime scoperte archeologiche sul Sinai
20.30 Cena servita da Alce Nero
21.45 Concerto - Sacri Cuori
Antonio Gramentieri (chitarra, voce), Diego Sapignoli (percussioni, synth, elettronica, melodica), Christian Ravaglioli (fisarmonica, tastiere, corno inglese, oboe), Francesco Giampaoli (contrabbasso, bass-six)

Sabato 2 luglio – Monastero di Montebello (Isola del Piano)
18.30 Conferenza - Massimo Valerio Manfredi (storico): Così pregavano gli antichi romani
20.30 Cena servita da Alce Nero
21.45 Teatro - "La pedana impaziente” ovvero “verrà la morte e avrà la tua dentiera”
Teatro dei Sensibili. Regia di Guido Ceronetti. In scena Fabio Banfo (Astrov), Cecilia Broggini (Frida), Luca Mauceri (Barùk), Salvatore Ragusa (Houdini), Valeria Sacco (Egeria), Filippo Usellini (Nicolas) e la possibile apparizione di Geo Conserva

Domenica 3 luglio – Monastero di Montebello (Isola del Piano)
18.30 Conferenza - Dara Molloy (sacerdote celtico): Perché sono diventato un prete celtico
20.30 Cena servita da Alce Nero
21.45 Concerto - Sulle rotte del sogno
Musiche di Luca Mauceri, testi di Guido Ceronetti. Luca Mauceri (voce, pianoforte, fisarmonica, chitarra), Michele Marsella (chitarra classica, basso), Nataliya Nykolayishyn (violino), Loreto Gismondi (violino), Simone Petricca (viola), Donato Cedrone (violoncello)

Martedì 5 luglio – Goletta Regina Isabella - Marina dei Cesari (Fano)
18.30 Conferenza (sul pontile) - Mauricio A. Yushin Marassi (monaco buddhista): Lo Zen come non luogo della libertà
20.30 Cena servita dalla cucina di bordo, in navigazione. (menu di pesce, 30€, prenotazione obbligatoria, t.333 6182325)
21.45 Concerto(in navigazione) – Note alla deriva. Mario Mariani (pianoforte) in”Da Platone a Nettuno (passando per Plotino e Plutone), per tacer di Moby Dick…

Mercoledì 6 luglio – Casale Ceresani (Cuccurano-Fano)
18.30 Conferenza - Sabino Chialà (monaco di Bose): Silenzi: ombre e luci del tacere
20.30 Cena servita da Ristorante Mocambo
21.45 Teatro - Claudio Tombini interpreta la Divina Commedia

Venerdì 8 luglio – Pieve di S.Giovanni Battista (Carpegna)
18.30 Conferenza - Marcello Balzani (architetto): La malefica materia e il tradimento dello spirito del paesaggio
20.30 Cena servita da Pro Loco Carpegna
21.45 Teatro: Sogno di una notte di mezza estate
Il Teatro delle Fragole. Regia di Tricia Caselli. Interpreti: Rita Allegrezza, Paola Ricci, Silvia Cerisoli, Margherita Cerisoli, Francesca Cerisoli, Maria Gemma Nasoni, Tricia Caselli

Sabato 9/Domenica 10 luglio – Montagna Segreta
Ore 19.30 di Sabato - Antonia Tronti (docente di yoga): Pratica di Yoga Cristiano,: (max. 30 partecipanti. Prenotazione consigliata. Contributo 10€)
Ore 5.00 di Domenica – Concerto dell’Alba Dorata - Gianni Ricchizzi (sitar), Amarnath Mishra (sitar), Vibhas Mishra (tabla)

Domenica 10 luglio - Stacciola (S.Costanzo)
18.30 Conferenza - WuMing2 (scrittore): Le guerre di religione nel XVI sec.
20.30 Cena servita da Pro Loco Stacciola
21.45 Concerto - Contradamerla
Francesco Cintioli (chitarra), Alessandro Cintioli (chitarra), Gaetano Vitalino (tromba), Luca Vannicola (batteria), Giampaolo Paticchio (basso), WuMing2 (voce narrante)

Sabato 16 luglio – Cava del monolite di Col Lungo – Monte Nerone (Apecchio)
18.30 Conferenza - Carla Borri, Marinella Collina (arteterapeute): Spirito e materia: l'arteterapia secondo il metodo Stella Maris
20.30 Cena servita da Pro Loco Serravalle di Carda
21.45 Concerto - Quartiere Tamburi
Vittorio Catalano (zampogna, ciaramella, sax), Arlo Bigazzi (basso e basso a tinozza), Iago Bruchi (rullante e percussioni), Alessandro Gangitano (timpano), Francesco Bruchi (rullante), Sebastiano Greppi (timpano e movimenti), Marzio Del Testa (batteria ed electronics).

Domenica 17 luglio – Villa Fiorini (Barchi)
18.30 Conferenza - Mario Zanot (regista), Max De Martino (fotografo): Anam. L’ultima intervista a Tiziano Terzani. Con proiezione del documentario
20.30 Cena servita da Cantine Fiorini
21.45 Concerto - Luca Capitani Trio Power
Luca Capitani (batteria), Gianluca D'Alessio (chitarre), Luciano Susto (basso)

I luoghi
Sin dalle origini, Ville e Castella ha scelto i luoghi sulla base di una curiosità e di un amore profondo verso il territorio. La natura, la campagna, la collina, la montagna, il mare, i borghi storici, ville, pievi e conventi sono l’anima del festival. Quest’anno, come castelli, ci sonoBarchi, Mondavio, S.Andrea di Suasa, Montalfoglio e Stacciola.Grandi o piccolissimi, noti o semisconosciuti, vantano tutti una storia e sono gradevolissimi da vivere nelle sere estive.
Anche i luoghi del sacro sono numerosi. Il monastero di Montebello è un ritrovo totemico: quando negli anni ’70 qui già si parlava di biodinamica, a Pesaro sognavano una valle di capannoni fino a Urbino. Dai bei prati ariosi del convento di S.Vittoria si capisce tutta le geografia: montagna, collina, mare. La pieve romanica di S.Giovanni Battista è tra le più antiche della provincia: i suoi muri pietrosi e consunti promettono accoglienza e riparo dalla calura. E poi c’è la pieve di S.Giovanni in Balsomigno*: un nascosto rifugio, sperduto tra le boscaglie del preappennino, che grazie alla spontanea cordialità dei suoi proprietari, viene aperto al festival. Oltre a Montebello e Balsomigno, anche altri due luoghi sono residenze private che si offrono all’ospitalità. Villa Fiorini è ormai abituata a vedere curiosi aggirarsi nel bel parco e nelle cantine per gustare vino e cultura. Il Casale Ceresani * è invece una novità assoluta. Addossato al colle dell’eremo di Monte Giove, è il posto giusto per parlare di silenzio.
Attratti sempre anche dalle montagne, il festival propone anche una cava abbandonata, al cui centro si erge un solo, grande monolite, definito subito menhir* dai curatori della rassegna. L’impressione è di un luogo arcaico e arcano, tanto bello da meritare di dormirci in tenda. Ancora più in alto, un’altra montagna segreta, coi suoi prati sommitali, attende i visitatori per offrire l’ennesima alba da raccontare ai nipoti. Da qui è possibile addirittura vedere la Croazia.
Il mare non è solo uno sfondo ma merita di essere solcato. Conferenza zen sulla banchina e poi tutti a bordo di Regina Isabella, o della propria barca, o sul moscone a nolo, per costituire un auditorium galleggiante alla deriva. Basta guardare le coordinate riportate nel programma per scoprire dove.

Come si raggiungono:

* S.Giovanni in Balsomigno: dal centro di Peglio prendere direzione Sassocorvaro poi seguire indicazioni
* Casale Ceresani: da Fano, lungo la SS.Flaminia raggiungere Cuccurano. Di fronte alla Fornace girare a destra poi seguire indicazioni
* Cava del menhir: raggiungere Serravalle di Carda e salire sul M.Nerone, poi seguire indicazioni

* Montagna segreta: per tenere sotto controllo l’afflusso di pubblico in un luogo sensibile come la montagna, il luogo esatto verrà comunicato il sabato mattina solo a coloro che si iscriveranno, durante il festival, in una apposita pagina facebook. In alternativa, delle bellissime escursioni serali/notturne porteranno direttamente sul luogo del concerto (Info guide Andrea Pellegrini 338 8049794)


Le conferenze
Le relazioni, pur ruotando attorno alla spiritualità, affrontano il tema da tanti punti di vista, proponendo approcci e riflessioni che spaziano da analisi di carattere storico a considerazioni sull’attualità, da esperienze a testimonianze esistenziali. Massimo Valerio Manfredi parlerà di come veniva esplicitata la religiosità negli antichi romani; Franco Cardini delle paure del medioevo, che generano le streghe; Emmanuel Anati presenterà le sue incredibili scoperte archeologiche sulla montagna sacra della tradizione giudaico-cristiana, il Sinai; Wuming2, da storico e romanziere, narrerà le tensioni religiose che fanno da sfondo alla storia europea del XVI sec.; Carla Gianotti racconterà di inaspettate figure femminili nel buddhismo tibetano; Farian Sabahi indagherà le sommosse contemporanee nel mondo islamico, in modo particolare nello Yemen; Piergiorgio Odifreddi, da razionalista, scriverà una lettera aperta a Papa Benedetto XVI, chiedendo risposte; Marcello Balzani inviterà a riflettere sul rapporto architettura-paesaggio; il documentario di Zanot - Di Martino racconterà il testamento spirituale di Terzani; Pallavidino e Halvorsen presenteranno la vicenda di Heidemarie Schwermer, che ha scelto di privilegiare l’essere all’avere, vivendo senza soldi; Padre Giuseppe Ferro Garel presenterà l’esperienza dei “Ricostruttori nella preghiera”, che pregano ricostruendo e ricostruiscono pregando; Sabino Chialà spiegherà il senso del silenzio, così prezioso nella comunità dei monaci di Bose; il monaco buddhista Yushin proporrà riflessioni di matrice Zen; Antonia Tronti inviterà alla pratica dello Yoga, coniugata alla preghiera cristiana; Dara Molloy spiegherà perchè ha abbandonato il cristianesimo per abbracciare gli antichi culti celtici. La guarigione nel corpo e nello spirito può avvenire anche con l’arte e i colori, secondo l’insegnamento di Rudolf Steiner: Claudia Borri e Marinella Collina, arte-terapeute, spiegheranno come e perché.

I concerti
La curiosità eterogenea del festival è ormai proverbiale, con propensione per le contaminazioni tra etnico, folk e elettronico. In questa XV edizione si va dal folk trans-mediterraneo dei Viamedina a quello eco-satirico dei Rari Ramarri Rurali, da quello trans-balcanico degli Obelisco Nero a quello ben più etnico della tradizione griot sub sahariana di Djeli-Kan. Il misticismo estremo viene proposto dallo spettacolo ipnotizzante dei Dervisci Rotanti, (unico ensemble dichiarato dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità), ma ancor più trascendentale potrà rivelarsi il concerto all’alba, sulla montagna, del sitar di Amamath Mishra, accompagnato da Ricchizzi e Vibhas Mishra. Musica, ironia e fantasticherie giocose promettono Luca Mauceri e i suoi compagni di viaggio, cresciuti assieme a Guido Ceronetti. Mario Mariani regalerà invece musica istrionica e fantasia sardonica, letteralmente in piena deriva surreale, su un grande veliero in mezzo al mare. Un programma colto e raffinato è valso un bel riconoscimento a Contradamerla, che si confronta con Altai, romanzo palpitante per chi subisce il fascino della storia. Una sperimentazione sonora più ardita ci attende sul prato del monastero di Montebello, con la ricerca di ampie atmosfere profonde dei Sacri Cuori. Attorno ad un menhir, in uno scenario ancestrale, saremo scossi dalla forza primigenia e istintuale delle tante percussioni di Quartiere Tamburi e anche la chiusura del festival è affidata ad un grande batterista, Luca Capitani, che col suo Trio Power e le figurazioni ritmiche darà più di una scarica elettrica agli amanti della fusion potente e tecnica. Finale col botto, che solo un festival che ama il silenzio si può permettere.

Il teatro
Seppur con difficoltà, di edizione in edizione il Festival cerca di ridare spazio al teatro. Orti insorti è perfettamente tagliato sulla filosofia del festival, che propugna una presa di coscienza dei valori rurali. Elena Guerrieri ci dimostra che fare l’orto è operazione nostalgica e rivoluzionaria, sudaticcia e gaudente, culturale e terra terra.
Il Teatro dei Sensibili di Guido Ceronetti spiazza ogni volta con la sua molteplicità di registri: surreale, esilarante, grottesco, tragico e feroce, intriso di storia e impastato nella contemporaneità più impresentabile, catartico e pacificante come tutti i pensieri che non temono la tragedia. Tanti leggono Dante, ma Claudio Tombini è fra i pochi attori a recitarlo veramente. Quell’Ulisse ispirato, Ugolino che schiocca la mascella, lo sgomento del Poeta, la fermezza solenne del suo duca, lo strazio dei dannati, tutto prende vita e rinnova l’emozione di un testo inesauribile. Questa volta sarà un buio uliveto a rendere frementi le terzine, interpretate tutte a memoria. Il Sogno shakespeariano è un bel testo, la serata è nel cuore dell’estate, la pieve romanica di Carpegna è teatrale, con i suoi spazi disegnati dalla pietra antica. Il Teatro delle Fragole è un teatro tutto al femminile, gioioso, libero, e le regie di Tricia Caselli sono coraggiose e irriverenti.

Per ulteriori informazioni
Associazione culturale “Ville e Castella”, Nino Finauri, cell. 335.6762340 – mail: ninofinauri@alice.it


GUARDA IL VIDEO di presentazione su www.oltrefano.it

mercoledì 15 giugno 2011

Fano, Notte Bianca: ci vediamo in Piazza Facebook.com


Fano, 15 giugno 2011- piazza XX Settembre diventerà Facebook.com, piazza Andrea Costa si trasformerà in piazza Twitter.com, via Garibaldi sarà via Netlog.com Luoghi reali e luoghi virtuali diventeranno un tutt’uno sabato 25 giugno quando a Fano andrà in scena l’evento dell’estate, The Social Night, la Notte Bianca più attuale d’Italia, quella dedicata ad uno dei fenomeni di punta degli ultimi anni, i Social Network.





Conoscere nuove persone, ritrovare vecchi amici o un lavoro, scoprire l’anima gemella, ecco a cosa servono le “reti sociali” diventate ormai estremamente popolari e alla portata di tutti, tanto che la Fondazione Fano Solidale, qualche mese fa ha organizzato un corso di alfabetizzazione informatica dedicato ai nonni fanesi, desiderosi di imparare in particolar modo ad utilizzare Facebook per comunicare con parenti lontani e nipoti.





Sabato 25 giugno, tutta la città, dal centro storico al lungomare sarà valorizzata ed ogni piazza, strada e via saranno intitolate ad un Social Network specifico, non solo ai più famosi ma anche a quelli meno noti come Anobii, (piazzetta del Teatro), una libreria online in cui è possibile scambiarsi idee e recensioni o Shidonni, (piazza Amiani) il social network dedicato a bambini e ragazzi dai 4 ai 10 anni, tradotto in 10 lingue alle quali a breve si aggiungerà anche l'italiano.





Altra protagonista indiscussa della Notte Bianca sarà la musica, infatti dal centro al lungomare, dalle 18.00 alle 6 del mattino, ogni via sarà caratterizzata da un genere musicale diverso, dalla musica rock a quella folk dal liscio alla dance music, spettacoli, concerti, balli. Il motto dell’evento potrebbe essere “tutto per tutti” dal momento che anche quest’anno l’organizzazione tenterà di accontentare diverse fasce d’età, fornendo ad ognuna di esse lo stimolo giusto per passare una splendida serata all’insegna del divertimento e dei balli sfrenati.

martedì 14 giugno 2011

Macerata, XXII Edizione di Musicultura


Ritorna l’appuntamento con il festival Musicultura: le tre serate finali si svolgeranno venerdì 17, sabato 18 e domenica 19 giugno all’Arena Sferisterio di Macerata. L’evento sarà presentato da Fabrizio Frizzi e sarà trasmesso in diretta radiofonica da Radio 1 Rai. La regia teatrale sarà come sempre affidata a Pepi Morgia. La Direzione Artistica di Musicultura è di Piero Cesanelli


Musicultura, lo dice la parola stessa, vuole essere un festival musicale e culturale allo stesso tempo. L’obiettivo è far conoscere artisti emergenti nell’ambito della musica popolare e d’autore contemporanea italiana. Tra venerdì e sabato si esibiranno gli otto finalisti. Domenica c’è la finalissima tra i quattro artisti più votati nelle due serate precedenti.


A votare saranno sia gli spettatori da casa che il pubblico presente all’Arena. Il vincitore riceverà una borsa di studio di ventimila euro. Sono previsti altri premi: la Targa della Critica (5000 euro) e riconoscimenti per il miglior testo, la migliore musica, il miglior progetto discografico, ciascuno rispettivamente 2.500 euro.

Ecco gli otto finalisti di Musicultura 2011. Venerdì si esibiranno Babalù, Andrea Cola, Momo, Vanni Pinzauti, sabato Pierluigi Colantoni, Piccola Bottega Baltazar, Renzo Rubino, Romeus. Domenica i quattro che riceveranno più voti si giocano il premio vincente.

Oltre ai partecipanti al concorso ci saranno tanti ospiti. Venerdì all’Arena saranno presenti Enrico Ruggeri, Angelo Branduardi, Davide Van de Sfroos, Arnoldo Foà ed Orsetta Foà, Pilar, Pupi Avati. Sabato: Amii Stewart & Walking Band, Fiorella Mannoia, Maddalena Crippa, Giuliano Palma & The Bluebeaters, The Quartetto Euphoria. Domenica, per l’ultima serata, ci saranno Manuel Agnelli con Rodrigo D’ Erasmo e Xabier Iriondo degli Afterhours, Patty Pravo, Lina Sastri, Lunetta Savino, Le Rivoltelle.


Info

Biglietteria dei Teatri

piazza Mazzini, 10
Tel. 0733 230735 - 233508 Fax 0733 261570
e mail boxoffice@sferisterio.it

Altri Punti Vendita Biglietti Serate Finali Dove prenotare ed acquistare i biglietti per le serate finali del Musicultura Festival: 17, 18 e 19 Giugno, Arena Sferisterio Macerata.

su internet alla pagina www.vivaticket.it

Filiali Banca Popolare di Ancona:
BPA Civitanova Marche
Corso Umberto I, 16
Tel. 0733-78371

BPA Macerata
Via Don Bosco, angolo Via Carducci
Tel. 0733-276611

BPA Macerata
Corso Cavour 39
Tel. 0733-237945


BPA Recanati
Via Cesare Battisti, 20
Tel. 071-7575749

Ulteriori info: www.musicultura.it

Tolentino, 26esima Biennale Internazionale dell’Umorismo nell’Arte


La Biennale Internazionale dell’Umorismo nell’Arte si terrà dal 21 luglio al 2 ottobre 2011. L’esposizione sarà ospitata in Piazza della Libertà, Galleria Sangallo, Museo Internazionale dell’Umorismo nell’Arte e prevede una mostra con le opere a concorso selezionate, sulla base e secondo gli indirizzi del Regolamento di partecipazione e degli esiti della valutazione della Giuria


Sarà allestita, inoltre, come vuole la tradizione, una personale dedicata al Vincitore della prevedente edizione e quindi dell’artista Valentin Georgiev (Bulgaria) primo classificato alla 25a Biennale.

Come tutte le edizioni sarà editato a cura del Comune il catalogo ufficiale.



La Biennale è organizzata dal Comune di Tolentino in collaborazione con la Regione Marche





Informazioni

Biennale Internazionale dell’Umorismo nell’Arte di Tolentino
Museo Internazionale della Caricatura

Palazzo Sangallo, Piazza Libertà, 3

62029 Tolentino (Mc)

Tel. 0733/969797
Fax 0733/966535

Info biennale: 0733/901365-326; 0733/901347-326; 0733/969797

Website: www.biennaleumorismo.org

Email: info@biennaleumorismo.org

Macerata, VIII edizione del Festival delle Arti Multimediali I.Mode Visions


Mercoledì 15 giugno, alle ore 15, nell'auditorium l'Accademia di Belle Arti di Macerata si terrà un meeting regionale sullo stato delle cose nell’arte digitale nelle Marche con una vasta partecipazione di artisti, direttori artistici, produttori, distributori TV e amministratori regionali



Il Meeting si aprirà con un rapporto introduttivo del prof. Massimo Puliani docente Corso Comunicazione Visiva Multimediale MC e ideatore del progetto. Il Report sarà incentrato sulla geografia della produzione video nelle Marche, sul ruolo delle istituzioni, degli operatori, organizzatori e delle emittenti TV regionali; sui finanziamenti agli audiovisivi, i festival e rassegne, i musei e le gallerie.



Sono previsti gli interventi di Anna Olivucci Marche Film Commission della Regione Marche, Sandro Giorgetti Presidente Mediateca, Maria Pia Silla Presidente Fondazione Libero Bizzarri, Francesco Adornato Osservatorio Culturale della Regione Marche, Pierpaolo Loffreda Premio Cinemarche Giovani , Roberto Farroni Presidente Museo Tattile Statale Omero.



Hanno aderito al meeting gli operatori video, film makers e produttori di audiosivi.



Angelucci Cominazzini Massimo (arteSettima)

Antonini Matteo

Bartolucci Fabrizio

Biagiarelli Roberta (Babelia&C)

Bianchini Pepegna Fabio (QED Films)

Brundo Piero (Mr. P38)

Cicconi Massi Lorenzo

Di Battista Marco

Favazza Beatrice (studio3TV)

Franceschetti Stefano

Galli Marco Cesare

Giannangeli Pierfrancesco

Gioventù Carlo

Lucarini Antonio

Mancini Tiziano (Metis Film)

Marchi Davide

Rocchetti Michele

Saracinelli Fabrizio (Guasco s.r.l.)

Teodori Stefano

Verde Giacomo

Vergari Valerio

Violini Marica

Zucchi Fabio Anastasio





Per la SEZIONE: PRODUZIONI

dalle ore 11.00

- Incontro con Roberta Biagiarelli (Autrice/attrice) interprete di "La neve di giugno" (prod. Babelia con RAI2 Palcoscenico),

- Incontro con Valerio Vergari che presenterà i suoi docu-film

e Proiezione di Mostar. Storia della Città Divisa regia: Predrag Delibašić con la partecipazione di Predrag Matvejević.

- Presentazione dell’opera prima di Stefano Teodori e Michele Rocchetti
"Proerbio", Interventi critici: Mario Savini, Alessandro Forlani

Sarà presente un rappresentante del Comune di Belmonte Piceno



- "La Posizione del Cocchiere- Video Riflessi"

Installazione video realizzata dagli allievi del corso di Regia Multimediale

Coordinamento registico di Fabrizio Bartolucci





Info: comunicazione.eventi@virgilio.it. www.i-modevisions.blogspot.com - www.2.abamc.it


L'iniziativa è promossa da: Accademia di Belle Arti di Macerata / Corso di Comunicazione Visiva Multimediale con il contributo della Presidenza dell'Assemblea Regione Marche

Pesaro, spettacolo di danza storica nel cortile di palazzo Toschi Mosca


PESARO - Spettacolo di danza storica nel cortile di palazzo Toschi Mosca
Venerdì 17 giugno, nel cortile di palazzo Toschi Mosca, uno spettacolo di danza storica ideato da Enrica Sabatini con il Gruppo ‘Guglielmo Ebreo da Pesaro’. Un appuntamento ‘speciale’ per ammirare come si ballava nel Rinascimento ma anche per mettersi alla prova e danzare guidati dal gruppo



Sei un appassionato di danza e vuoi imparare a ballare come si faceva nel Rinascimento epoca in cui l’arte tersicorea diventa simbolo di armonia e bellezza e insieme uno dei requisiti fondamentali per la formazione di dame e gentiluomini?



L’appuntamento è per venerdì 17 giugno alle 18.30 nel cortile di palazzo Toschi Mosca, sede dei Musei Civici: il gruppo di danza storica ‘Guglielmo Ebreo da Pesaro’ diretto da Enrica Sabatini si esibirà in uno spettacolo di danza rinascimentale.



Ma non si tratta ‘solo’ di un’esibizione; oltre ad ammirare suggestive coreografie eseguite in una cornice di altrettanto fascino, il pubblico avrà la possibilità di misurarsi con questa disciplina antica prendendo parte alle danze guidato dai ballerini.

I movimenti presentati sono descritti nel trattato (1463 ca.) ‘De pratica seu arte tripudii’ composto dal pesarese Guglielmo Ebreo, uno dei primi maestri di danza che prestava i suoi servigi per le signorie degli Sforza di Pesaro e Milano, dei Montefeltro da Urbino e dei Malatesta di Rimini.



Ad esibirsi Enrica Sabatini con Alessandro Allegrucci, Sara Benvenuti, Antonella Petrelli, Franca Mandanici, Thomas Vittoriano, Antonella Farisello, Sandro Tonelli, Francesca Di Modugno, Raffaella Lugli, Elisa Antonini.



Praticata a corte da nobili e principi fin dalla più tenera età, la danza - e con lei la musica - ricopriva un ruolo di primissimo piano sia in ambito pubblico, all’interno di feste, cerimonie ufficiali e avvenimenti politici, che in quello privato come forma di svago e diletto. Considerata una vera e propria pratica morale-educativa, è nel Rinascimento che entra a far parte dei requisiti necessari alla formazione di dame e gentiluomini divenendo un modo per esternare principi virtuosi come dignità, onestà e modestia. Il vasto e affascinante patrimonio delle danze antiche conservato nei trattati redatti a partire dal XV secolo, ci fa capire come la danza fosse al tempo stesso scienza e arte; insieme alla musica essa rispecchiava gli ideali di armonia, proporzione e bellezza che per tutto l’Umanesimo avevano guidato le corti italiane. Di qui la possibilità di conoscere un’epoca - il Rinascimento - attraverso le opere dei primi maestri di danza che prestavano i loro servigi presso le più importanti corti. Tra questi Domenica da Piacenza attivo a Ferrara con gli Estensi o ancora il suo allievo pesarese Guglielmo Ebreo, autore delle danze eseguite venerdì 17 giugno.



L’appuntamento è a ingresso gratuito.


info 0721 387541-474, infoline 199 151 123, www.pesarocultura.it, www.museicivicipesaro.it

lunedì 13 giugno 2011

Fano Jazz By The Sea 2011 (25-31 luglio) con la star John McLaughlin


Fano Jazz By The Sea, da tempo riconosciuto come uno dei principali eventi jazzistici estivi italiani, taglia quest’anno, tra il 25 e il 31 luglio, il significativo traguardo della XIX edizione: ne saranno come sempre protagonisti artisti di assoluta caratura internazionale provenienti da vari angoli del mondo, che nell’insieme offriranno uno spaccato delle molteplici anime che oggi convivono in armonia nel variegato mondo del jazz, fra proficui incontri con altre musiche e rimandi alla tradizione della musica afro-americana. Di particolare rilievo si preannuncia la presenza di John McLaughlin, il cui nome va ad aggiungersi a quello di tanti altri illustri jazzmen (Chick Corea, Herbie Hancock, Wynton Marsalis, Dee Dee Bridgewater, McCoy Tyner, John Scofield, Jan Garbarek, Marcus Miller, Richard Galliano, Michel Petrucciani, Joe Zawinul, Stefano Bollani, Paolo Fresu, Enrico Rava) che fanno parte del nutritissimo palmares di Fano Jazz By The Sea.
Cuore del festival saranno come di consueto la rinascimentale Corte Malatestiana (nella centralissima Piazza XX Settembre) e il Porto Turistico - Marina dei Cesari, dove verrà allestito uno scenografico “palcoscenico sull’acqua” e avrà sede il tradizionale “Pala J”, animato dai concerti ‘round midnight. In occasione degli appuntamenti alla Corte Malatestiana, il Porto sarà collegato con Piazza XX Settembre tramite un servizio navetta gratuito.
L’edizione 2011 di Fano Jazz By The Sea è organizzata da “Fano Jazz Network”, con la direzione artistica di Adriano Pedini, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Fano e il Porto di Fano – Marina dei Cesari, con la partecipazione dell’Assessorato alla Cultura e Turismo della Regione Marche e dell’Assessorato alle Politiche Culturali e Valorizzazione dei Beni Storici e Artistici della Provincia di Pesaro e Urbino. Sponsor della manifestazione: Fondazione Carifano, Banca Marche, Computer Office. Partner tecnici: Air Dolomiti, Hotel Augustus. Media partner: Claudio Bartolucci Visual Designer, Radio Fano.
Anche quest’anno sono previsti sconti sul prezzo dei biglietti e degli abbonamenti riservati ai possessori della “MARCHEJAZZCard”, “carta fedeltà” rilasciata da Marche Jazz Network, progetto in rete di cui fanno parte “Fano Jazz Network”, “Ancona Jazz”, “TAM – Tutta un’altra musica” e “Musicamdo”, con lo scopo di coordinare l’attività di promozione jazzistica sul territorio regionale.
Come già avvenuto negli ultimi anni, la ricca programmazione del festival sarà preceduta da una significativa anteprima: giovedì 21, al Porto di Vallugola, a Gabicce Mare, si terrà infatti il concerto del chitarrista Nguyên Lê. Il musicista franco-vietnamita presenterà uno dei suoi più recenti progetti, Saiyuki, con la giapponese Mieko Miyazaki (koto e voce) e l’indiano Prahbu Edouard (tabla). Il concerto è organizzato in collaborazione con Porto di Vallugola e Parco San Bartolo.
Fano Jazz By The Sea 2011 entrerà quindi nel vivo lunedì 25, al Porto Turistico di Fano, proprio con l’esibizione di John McLaughlin, uno dei massimi virtuosi di tutti i tempi della sei corde. Il celebre chitarrista inglese, personalità cardine sin dalla fine degli anni Sessanta del jazz elettrico, ma anche delle contaminazioni con la musica indiana ed altro, salirà sul “palcoscenico sull’acqua” alla guida della sua ultima creatura: The 4th Dimension, gruppo che annovera eccellenti strumentisti quali il tastierista Gary Husband, il bassista Etienne Mbappé e il batterista Ranjit Barot.
Le due serate successive, entrambe alla Corte Malatestiana, punteranno invece i riflettori su uno strumento simbolo del jazz: la tromba. Martedì 26 si ascolterà il quintetto dello statunitense Tom Harrell, musicista che percorre speditamente la strada maestra del jazz, mentre mercoledì 27 sarà di scena il più internazionale dei jazzisti italiani, Enrico Rava, nel cui attuale quintetto spiccano il trombonista Gianluca Petrella e il pianista Giovanni Guidi.
Altre star del festival saranno il percussionista indiano Trilok Gurtu, la pianista giapponese Hiromi e la rodatissima coppia Tuck & Patti, tutti attesi al Porto Turistico, rispettivamente giovedì 28, venerdì 29 e sabato 30 luglio. Il primo proporrà l’avvincente miscela ethno-jazz che l’ha reso ovunque famoso, il cui tratto distintivo è proprio l’inarrestabile spinta propulsiva fornita da percussioni di svariata foggia. Nuova stella del piano jazz, Hiromi si sta prepotentemente imponendo grazie a una tecnica prodigiosa e una contagiosa carica comunicativa: al suo fianco ci saranno due partner d’eccezione quali il bassista elettrico Anthony Jackson e il batterista Simon Phillips, noto anche per gloriosi trascorsi nel progressive rock. Compagni nell’arte come nella vita Tuck Andress e Patti Cathcart, meglio noti semplicemente con i loro nomi, riproporranno quella formula di canzone dai seducenti profumi jazzistici, sempre graditissima, che ne ha fatto la fortuna.
L’edizione 2011 di Fano Jazz By The Sea si concluderà domenica 31 con un appuntamento gratuito ospitato in un'altra location particolarmente suggestiva, la Golena del Furlo di Acqualagna, dove si esibirà, in esclusiva italiana, un formidabile musicista originario della Costa d’Avorio: Aly Keïta, spettacolare suonatore di balafon. Ospite del suo gruppo una delle più belle voci africane affermatesi negli ultimi tempi: Dobet Gnahorè. Questo evento finale è organizzato in collaborazione con la Riserva Naturale Statale Gola del Furlo e il Comune di Acqualagna.
Sorta di festival nel festival, anche la programmazione al “Pala J” si preannuncia ricca di motivi di interesse, con particolare attenzione alla scena musicale italiana, ma con anche proposte provenienti da oltre confine. Da lunedì 25 a sabato 30 si potranno ascoltare nell’ordine: il quartetto del chitarrista Walter Beltrami (con Francesco Bearzatti a sax tenore e clarinetto), i Fool Circle, gruppo che annovera il pregevole pianista Stefano Battaglia, l’inglese Portico Quartet, una delle più interessanti formazioni d’oltre Manica emerse negli ultimi anni. Ed ancora: il quartetto del trombettista Aldo Bassi, l’Organ Combo dello specialista dell’Hammond Vito Di Modugno (con il trombettista Fabio Morgera, da tempo attivo con successo negli Stati Uniti, a nobilitarne la front line) e, infine, il trio del pianista marchigiano Emilio Marinelli.
Informazioni: Fano Jazz, tel. 0721 803043 - info@fanojazz.org



Prevendite: Teatro della Fortuna, tel. 0721 800750, www.vivaticket.it



Website: www.fanojazznetwork.it

Concluso con successo il primo week-end della “rinnovata” Fiera Mercato dell’Antiquariato



Successo oltre le aspettative per il primo week-end della “nuova” Fiera Mercato dell’Antiquariato. L’evento ha chiamato a raccolta centinaia di turisti dall’entroterra e dalle città limitrofe: Pesaro, Rimini, Ancona, mentre gli alberghi fanesi, in particolare quelli del centro e di Sassonia hanno ospitato decine di espositori i quali hanno approfittato dei vantaggiosi pacchetti offerti da Alberghi Consorziati.
“Il primo bilancio che posso fare, all’indomani dell’evento- dichiara Luciano Cecchini, presidente di Alberghi Consorziati- è molto positivo specie per gli alberghi annuali. Sia l’aspetto logistico che quello qualitativo hanno contribuito in maniera decisiva alla riuscita di un evento che aiuta a portare visitatori a Fano anche nei periodi di bassa stagione ed è per questo che, come associazione di categoria, contribuiremo alla sua promozione come abbiamo già fatto durante la Fiera di Arezzo. Tra l’altro proprio i nuovi espositori provenienti da Arezzo si sono detti soddisfatti dall’organizzazione e piacevolmente sorpresi dalla bellezza della città”.
Così come è soddisfatto anche l’assessore al Commercio e alle Attività Economiche Alberto Santorelli: “Continuano ad arrivare richieste e riconferme da parte degli standisti e questo fa ben sperare che in questo week-end abbiamo concluso buoni affari. Sarà ora nostro compito interrogare i partecipanti di questa prima domenica per conoscere la loro opinione e per fare in modo che ci comunichino quali sono secondo loro le criticità e cosa potrebbe essere migliorato in un ottica di collaborazione e di ascolto delle loro esigenze”.
Sono arrivati dal Veneto, dall’Umbria, dalla Toscana, dall’Abruzzo gli antiquari che hanno partecipato al primo week-end della Fiera che replicherà il prossimo mese, sabato 9 e domenica 10 giugno. Anche per il prossimo week-end negozi, monumenti e musei aperti.

In memoria di Paolo Borsellino, due incontri col fratello Salvatore


PESARO E FANO – “In memoria di Paolo” è il titolo del doppio appuntamento, aperto a tutti, previsto per mercoledì 15 giugno a Pesaro e Fano con Salvatore Borsellino, organizzato dal “Movimento delle Agende Rosse” di Pesaro e Urbino (coordinato da Ettore Marini) e dall’Associazione nazionale magistrati (sottosezione di Pesaro), in collaborazione con l’Istituto comprensivo “G.Padalino” di Fano e con vari patrocini (Assemblea legislativa delle Marche, Provincia, Comuni di Pesaro e Fano).
Alle ore 18, nella sala del consiglio provinciale “W.Pierangeli” di Pesaro (viale Gramsci 4), dopo il saluto del presidente della Provincia Matteo Ricci, la professoressa Paola Fraternale condurrà l’incontro con Salvatore Borsellino (fondatore nel 2009 del Movimento delle Agende Rosse) ed il giudice del Tribunale di Pesaro Giacomo Gasparini, con proiezione di slide e letture di brani di Paolo Borsellino.
Alle ore 21 l’appuntamento sarà a Fano, nel cortile dell'ex convento S.Arcangelo, attualmente sede della Scuola media “Padalino” (via Lanci 2), con Salvatore Borsellino e l’ex Ispettore della Direzione Nazionale Antimafia Pippo Giordano, che nel ’92 partecipò con Borsellino agli interrogatori di Gaspare Mutolo (l'ultimo dei quali si tenne il 17 luglio, due giorni prima della strage di via D'Amelio). All’incontro parteciperanno l’assessore provinciale Renato Claudio Minardi, l’assessore comunale di Fano Riccardo Severi, i ragazzi della scuola ed alcuni esponenti del “Movimento delle Agende Rosse” di Pesaro e Urbino.

A Fano va in scena “Command Perfromance”: spettacolo sul ponte di un vascello di 30 metri



Fano- Va in scena domani martedì 14 e mercoledì 15 a Marina dei Cesari “Command Perfromance” uno spettacolo unico nel suo genere che si svolge interamente sul ponte di un vascello di 30 metri ormeggiato ormai da mesi nel porto turistico di Fano.

Lo spettacolo offerto gratuitamente al pubblico da Marina dei Cesari inizia all ore 22 e dura circa 1 ora e 20 senza intervallo.

Il pubblico assisterà dalla banchina di Marina dei Cesari, attrezzata per l’occasione con numerose sedute, a uno show suggestivo adatto a grandi e bambini, che unisce teatro, musica, canto, danza acrobatica e arti circensi in un turbinio di luci ed effetti speciali (per informazioni 0721-800279)

Lo spettacolo s’intitola “Comand Performance” ed è messo in scena da Caravan Stage (www.caravanstage.org ), una compagnia di teatro itinerante canadese no profit composta da 20 artisti che dal 1997 gira il mondo portando il teatro tra le gente e utilizzando un veliero costruito appositamente che unisce le caratteristiche nautiche alle più sofisticate tecnologie teatrali.

giovedì 9 giugno 2011

Frontone festeggia i 10 anni di apertura del Castello. Nel week-end rievocazione storica della Festa del Conte



Un salto indietro nel tempo, nelle affascinanti atmosfere rinascimentali.
Nel week-end, sabato 11 e domenica 12 giugno, in occasione delle manifestazioni che l’Amministrazione comunale in collaborazione con la Pro Loco e altre associazioni locali, e il patrocinio della Regione Marche e della Provincia di Pesaro-Urbino, ha ideato per il decennale di apertura del Castello, Frontone rivivrà uno dei periodi simbolo della sua storia.
Il suggestivo Castello e l’intero borgo ospiteranno l’evento clou delle iniziative promosse per il decennale: la rievocazione storica della Festa del Conte.
Armigeri, arcieri e balestrieri; il vasaio, il tombolo, il cesellatore; fuochi d’artificio, banchetti, animazione e spettacoli: il pubblico sarà catapultato in pieno Rinascimento per un viaggio tra storia, folclore e tradizioni.
Una manifestazione in onore del sindaco Giona Viti, che nel 1985 ha definitivamente acquisito il Castello nel patrimonio comunale.
Un evento con festeggiamenti in costume e atmosfera rinascimentale. Gli spunti per la ricostruzione storica, ricavati dalle letture dei vecchi documenti contenuti negli archivi eugubini dei Della Porta e relativi alle modalità con cui avveniva l'insediamento del conte a Frontone, sono tratti dall’opera "Frontone - storia, dialetto e folclore" del monaco avellanita Dom Celestino Pierucci.
Si rievocherà il momento di consegna delle chiavi del castello al nuovo Conte, alla presenza di un corteo storico formato dai conti delle zone limitrofe, unito ad una serie di spettacoli, musiche ed intrattenimenti di sapore rinascimentale.

Programma

Sabato 11 giugno

Ore 16 piazzale della Rocca – Arrivo dell’Illustrissimo Sig. Conte, Giammaria della Porta, accoglienza e consegna delle regalie da parte del popolo.
Via del Mercato – L’accampamento della “Compagnia d’Arme Feltresca – ricostruzione di scene di vita quotidiana di un accampamento militare. Armigeri, arcieri e balestrieri duellanti, daranno dimostrazione di abilità nel tiro con l’arco storico, balestra manesca, duelli. A cura del Gruppo Arcieri e Balestrieri Storici Corte Roveresca di Mondavio.
Per le vie del borgo – Gli antichi mestieri del borgo
Cortile interno del Castello – Le arti e i mestieri della corte
Animazione per le vie del borgo
Ore 16.30 Sala convegni del Castello – Conferenza “La società, la cultura, la religione e la cucina nel Rinascimento – La realtà dei Conti della Porta”
Interverranno:
Saluti delle autorità
Francesco Passetti (sindaco Frontone); Vittoriano Solazzi (Presidente consiglio regionale Marche); Davide Rossi (Vicepresidente della Provincia di Pesaro-Urbino con delega alla cultura); Gianfranco Sabbatini (presidente Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro); Massimo Ciabocchi (Presidente Comunità Montana Catria-Nerone)
Introduzione
Giuseppe Fatica – Presidente Associazione culturale “La Radica”
Contestualmente verrà consegnata una targa in memoria ai familiari del prof. Giona Viti già sindaco di Frontone, a cui si deve l’acquisizione della Rocca nel patrimonio comunale.
Seguiranno interventi tematici.
Conclusioni
Ore 18 Cucine del Castello – Daniela Storoni guiderà la degustazione dei prodotti rinascimentali di “Rinascimento a tavola”
Ore 21.30 Il duello e giochi di destrezza con bastoni infuocati delle “Corazze del Duca” della Compagnia d’Arme Feltresca (Gruppo Arcieri Storici Corte Roveresca di Mondavio). Giochi di fuoco e danze accompagnate dai tamburi d’altri tempi Aynin di Jesi
Ore 22.30 Spettacolo pirotecnico offerto da I due Pini Lounge Bar & Restaurant

Domenica 12 giugno

Ore 10 Per le vie del borgo – Gli antichi mestieri del borgo; Sale del Castello – Le arti e i mestieri della corte
Ore 10 Arco d’ingresso alla piazza dell’Orologio – Corteo storico per l’investitura
Ore 10.15 Piazzale antistante chiesa della Madonna del Soccorso – Investitura del Conte
Ore 10.30 Santa Messa presso la chiesa della Madonna del Soccorso
Ore 13 Salone d’onore del Castello – Banchetto Rinascimentale con animazione dal vivo curato da Daniela Storoni. Chef Claudio Ramacci del ristorante “La Taverna del lupo” di Gubbio; animazioni Ancelle e danzatrici (scuola di danza Corus di Urbino), musici Laus Veris – Urbino. Prenotazione obbligatoria (0721.786107-culturafrontone@gmail.com-339.8429426)
Ore 15.30 Corteo storico
Ore 16.30 La Corte del Conte in festa – Il Giullar cortese intrattiene la corte. Esibizione spettacolare del Gruppo Arcieri e Balestrieri Storici Corte Roveresca di Mondavio.
Danza orientale “Alchimia d’Oriente” del gruppo “Dee Danzanti Asd”
Ore 17.30 Cortile interno del Castello – Performance dell’artista Rita Soccio. Anteprima della mostra “Frontone, 10 e lode”. Inaugurazione 29 luglio 2011.
Ore 20 Cena a base di piatti Rinascimentali nei ristoranti aderenti

Ristoranti aderenti nel borgo del Castello Medievale: Ristorante Amabile, I due Pini, Ristorante Locanda del Castello, Ristorante Taverna della Rocca
Ristoranti aderenti ai piedi e nei pressi del Castello: Ristorante Osteria n.1 Paraponziponzipò.

Servizio bus navetta



Per informazioni:
Comune di Frontone 0721.786107 – 339.8429426 - www.comune.frontone.pu.it

mercoledì 8 giugno 2011

Il mare, la spiaggia e la genuinità degli Aquaramata: aperitivo musicale tutto da gustare al Tritoni Beach Cafè di Marotta


Al mare, alla spiaggia aggiungi la genuinità della musica degli Aquaramata e gli ingredienti per un aperitivo rustico tutto da gustare ci sono tutti!

L'appuntamento è domenica alle 18 a Marotta al Tritoni Beach Cafè.

Chi non conosce ormai gli Aquaramata...
Gruppo nato due anni fa dall’unione di VALERIO “LILLO” TRIVISONNO, percussionista de Il ladro il giullare il folle e del Circuito folk, ed ALIOSCHKA POLITI, cantante e chitarrista, sta facendo ridere e divertire la nostra provincia e non solo con le sue irriverenti scenette rurali ricche di immagini del panorama rurale dei nostri nonni ma soprattutto con testi originali, simpatici, genuini e rigorosamente in dialetto!
La formazione si è arricchita della presenza del giovanissimo e promettente contrabbassista FILIPPO ANGELONI che con il suo strumento va a completare anche scenograficamente parlando, l’irriverente trio.

L'occasione per ascoltare buona musica e gustare un aperitivo rustico in perfetto stile contadino.
Ormai in tutti gli appuntamenti della formazione rurale, non solo i brani fanno tornare il pubblico indietro con gli anni, ma anche lo scenario e la cucina contribuiscono a rendere brani come “GIU I FILON” o “CESIRA” più verosimili.

Il Tritoni Beach Cafè è uno chalet sul lungomare di Marotta completo di tutto che da anni si impegna a promuovere musica dal vivo. Vanta infatti una programmazione ricchissima per tutta la stagione estiva nei giorni di giovedì, sabato e domenica con numerose formazioni musicali non solo della nostra regione.
Maggiori dettagli http://www.facebook.com/event.php?eid=197599980286805#!/profile.php?id=1719278138

L’appuntamento è per domenica 12 all’aperitivo e, come direbbero gli Aquaramata: nit ju a fa festa insiem a nojà (venite a far festa insieme a noi)!!!